PITTURA

COORDINATES 40 55 03 N 14 53 49 E

L’ opera analizza il concetto di appartenenza cromatica data dal contesto di nascita, i colori in cui nasciamo influenzano la nostra vita, e vuole essere il punto di partenza della ricerca, partendo quindi dall’ analisi delle cromie meridionali e mediterranee di nascita. La scelta di far emergere e sottolineare il materiale utilizzato vuole creare un effetto di fusione con le luci e l’ ambiente circostante, sfruttando quindi le potenzialità specchianti dell’ alluminio. Nuvole di alluminio, foglia oro e sfumature dell’ azzurro caratterizzano quindi l’ opera che analisi e sintesi dei colori naturalmente presenti nei paesaggi mediterranei.

CLOUD'S FACTORY OLIO SU TELA 2020

La ricerca del punto di origine, delle radici, parte dalla mia città di nascita, alle suggestioni naturali in cui sono sempre stata immersa e sceglie proprio di partire dall’ origine della mia arte.
Una suggestione visiva di una fabbrica dismessa la cui ciminiera combacia con un accumulo di nuvole è stata la mia visione che ha dato origine alle mie prime opere. Ho voluto interpretare quest’ evento ricreando una fabbrica immaginaria da cui nascono nuvole che tingono il cielo. Una stratificazione del terreno dà vita alla struttura, una stratificazione che rappresenta l’ origine, la terra e il luogo di nascita, le mie radici, il mio passato che ha dato vita alla mia ricerca attuale.

La ricerca del punto di origine, delle radici, parte dalla mia città di nascita, alle suggestioni naturali in cui sono sempre stata immersa e sceglie proprio di partire dall’ origine della mia arte.
Una suggestione visiva di una fabbrica dismessa la cui ciminiera combacia con un accumulo di nuvole è stata la mia visione che ha dato origine alle mie prime opere. Ho voluto interpretare quest’ evento ricreando una fabbrica immaginaria da cui nascono nuvole che tingono il cielo. Una stratificazione del terreno dà vita alla struttura, una stratificazione che rappresenta l’ origine, la terra e il luogo di nascita, le mie radici, il mio passato che ha dato vita alla mia ricerca attuale.

RESIDENZA ARTISTICA "CONFINI/LIMITES",2020,MONTEVIDEO.URUGUAY

CON(FINE)

RESIDENZA ARTISTICA 2020

IL TEMA SVILUPPATO NELL’ AMBITO DELLA RESIDENZA è STATO INCENTRATO NEL CONCETTO DEL CONFINE E DEL SUO SUPERAMENTO.

UN CON- FINE, INTESO COME LUOGO CON UNA CONCLUSIONE UNA LIMITAZIONE.

LE TRE OPERE OLIO SU TELA PROPOSTE SONO UN’ ELABORAZIONE DEL PERIODO STORICO DI CONFINE FISICO E MORALE IN “CONFINE”, FORMA DI CHIUSURA VERSO L’ ESTERNO E DI SPIRAGLIO DI SPERANZA, COME UNA SORTA DI FINESTRA FISICA MA ANCHE MENTALE NELL’ OPERA “OCULO” E COCLUDE IL TRITTICO L’ OPERA “I’ M OVER LINE”, OPERA SOMMA E CONCLUSIONE DELLE PRECEDENTI CHE SVILUPPA IL CONCETTO DI SUPERAMENTO DEI LIMITI SOCIALI, MORALI E FISICI ANDANDO AL DI Là DEL CONFINE IMPOSTO DALLA SITUAZIONE

PANDEMIACA MA ANCHE CULTURALE E SOCIALE, ANDANDO QUINDI OLTRE I PROPRIO CONFINI, OLTRE LA LINEA.L’ ELABORAZIONE PITTORICA PROPOSTA è STATA INFLUENZATA DALLE RESTIZIONI DELLA PANDEMIA 2020 E SVILUPPANO UN CONCETTO MOLTO INTIMO E PERSONALE VISSUTO NEL PERIODO E NE RISENTONO NEL CONCETTO POETICO ED ESPRESSIVO.

CON(FINE), OLIO SU TELA,60 X90 C, 2020

OCULO, OLIO SU TELA DI JUTA,70 X 100 CM,2020

I'M(OVER) LINE, OLIO SU TELA,60 X 90 CM, 2020

IRENE RUSSO, I'M OVER LINE

LANDSCAPE

Green it, 100 x100 c, olio su tela di juta, 2020

"Natural architecture, bit of blue, a bit of green", 81 x 185 cm, olio su tela di juta e carta 400 gr, 2020

QUARANTINE, 169 X 170 CM, OLIO SU TELA DI JUTA, 2020

SERIE_CLOUDS

The Cloud’s shape 95 x 95 cm colori ad olio su tela di juta 2018

In the sky_you 100 x 100 cm colori ad olio su tela di juta 2018 Lago d’ Iseo (BS),Fondazione Arsenale d’ Iseo, collettiva, a cura della Fondazione Arsenale d’ iseo

La mia ricerca artisticas si basa sulle forme della natura in cui,
nuvole e cieli , nelle mie opere diviene non più semplice sfondo ma soggetto principale dell’ opera esprimendo in sè tutta la forza creatrice.
La mia ricerca parte dall’ analisi dell’ arte classica,in cui la rappresentazione dei fondali ha sempre avuto un’ impronta molto libera e fortemente astratta.
Nuvole e cieli con le loro variegate sfumature sono da sempre una forma espressiva libera e tendete all’ astrazione formale.

SERIE_WINDOWS

WINDOWS_00, 119 X 121 CM, OLIO SU TELA DI JUTA, 2020

WINDOWS_01, 107 X 101 CM, OLIO SU TELA DI JUTA, 2010

Gap_90 x 120 cm, olio su tela, 2020

Gap è il divario, è un dittico , una duplice finestra che ci mostra piccole porzioni del mondo attorno a noi. Rappresenta la mia visione sul mondo, che diventa una sorta di “finestra collettiva”.

Gap è il divario, la separazione col mondo ma anche la solo forma di connessione con l’ esterno. Le forme del cielo diventano quindi specchio espressivo dei moti dell’ anima. I mutevoli colori del cielo diventano simbolo dello scorrere del tempo e della stasi i del momento.

Attimo cristallizzato della memoria dei luoghi vissuti, diario dello scorrere inarrestabile della vita vengono quindi rappresentati in una visione onirica del paesaggio, in cui le geometrie naturali delle nuvole si fondono e contrastano con i colori del cielo. Colori apparentemente innaturali , ma che sono frutto dell’ analisi delle cromie presenti naturalmente in natura e che attraverso accostamenti forti e inusuali permettono una forte espressione emotiva e di relazione con il fruitore.

La serie “windows” è nata durante la quaranta di marzo 2020, diventando quindi un diario e memoria del tempo alterato ,vita in cui l’ unico sbocco sul mondo sono le finestre che mostrano la parzialità di mondo a noi concessa.

SERIE_INVISIBLE CITIES

Invisible cities,100 x 150 cm, olio e tecnica mista su tela,2017

Silence, the white island, 80 x 120 cm, olio e tecnica mista su tela,2017

Luoghi sconosciuti,80 x 100 cm, olio su tela 2017

Torna in alto
Translate »